giovedì 5 aprile 2012

La distanza tra noi e gli altri e linguaggio gestuale: istruzioni per l'uso.
Fra le tante cose che parlano di noi c'è anche il modo in cui ci collochiamo nello spazio e regoliamo le nostre distanze rispetto agli altri ed all'ambiente.
Queste distanze non hanno solo la funzione di proteggerci ma ci permettono anche di comunicare.
Nella comunicazione spesso l'abito fa il monaco, intendendo con l'abito il complesso delle manifestazioni esteriori che caratterizzano la nostra maniera di esprimerci.
Le ricerche neurolinguistiche indicano chiaramente la priorità dell'elaboazione visiva, globale, simultanea, contestuale, analogica delle informazioni nell'emisfero destro del cervello, anche se le informazioni sono linguistiche e quindi andranno poi rieleborate dall'emisfero sinistro (verbale, analitico, sequenziale, logico).
Siamo dunque prima "visti" e che ascoltati.